Translation requests/WQ/3/It/2

From Meta, a Wikimedia project coordination wiki
< Translation requests‎ | WQ‎ | 3‎ | It
Jump to: navigation, search

Pagina 2[edit]

Welcome
Benvenuto
Founder
Fondatore
Reports
Rapporti
Projects
Progetti
Interview
Associazioni
Press
Stampa
International
Internazionale
Endnotes
Note finali
+
Stato traduzione Waiting original - Translating - Proofreading - Synchronize -
Lettere dal Fondatore

 

Jimbo Wales parla al FOSDEM 2005 a Bruxelles, in Belgio.
Foto di Chrys.

La missione di Wikimedia è quella di fornire le conoscenze che si hanno nel mondo, ad ogni persona del pianeta, nella sua lingua. Quale parte di questa missione Wikipedia è, prima di tutto e soprattutto, un tentativo di creare e distribuire un'enciclopedia gratuita della più alta qualità possibile. Chiedersi se la comunità venga prima o dopo quest'obiettivo significa porsi la domanda sbagliata: l'intero scopo della comunità coincide con questo obiettivo.

Ad ogni modo, non conosco neppure un caso dove ci sia una reale tensione tra queste due cose. Intendo dire che il fulcro della comunità, le persone che veramente stanno facendo il lavoro, sono tutte appassionate su questo punto: stiamo creando qualcosa di qualità estremamente alta e non soltanto creando una comunità online per il nostro piacere.

La comunità non viene prima del nostro compito, la comunità è organizzata attorno al nostro compito. La differenza è, semplicemente, che le decisioni dovrebbero sempre essere prese non in base alle convenienze sociali, od in base alle scelta più popolari ovvero alle credenze tradizionali, ma in base ai requisiti che noi stessi abbiamo imposto al nostro lavoro.

Io non sono dell'opinione, un'opinione che - per quanto ne so - è condivisa solo da una ristretta minoranza, che Wikipedia sia in qualche modo contro un'élite o contro gli esperti. Se c'è qualcosa di vero è che siamo molto elitari, ma siamo anche contro il "credenzialismo". Attirare e mantenere specialisti di livello accademico è tra i nostri obiettivi. Cerchiamo, cioè, l'aiuto di persone intelligenti e profonde che abbiano voglia di compiere il difficile lavoro di collaborare con gli altri per essere sia accurati che equi e non accettiamo niente che sia meno di questo. Un dottorato è una prova preziosa di questa volontà, ma non è un sostituto di tali qualità.

Possono esserci casi di laureati o dottorati che pensano che nessuno dovrebbe modificare i loro articoli, scritti da esperti, o che non possono sopportare che il loro punto di vista sia dibattuto e che non hanno la pazienza per sostenere delle discussioni. In questi casi la loro esperienza è di scarso valore. Se alcuni non sono in grado di lavorare in amicizia e in modo utile in un contesto sociale e pensano che le proprie credenziali li autorizzino a dire l'ultima parola su un argomento, questo è un problema per noi e per loro dal momento che sarà sempre necessario mettere in atto valutazioni complesse per trattare situazioni di questo tipo.

Sono al 100% fiducioso nell'obiettivo di una qualità "pari o superiore a quella di un'enciclopedia tradizionale" e le nostre regole sociali dovrebbero ruotare attorno a questo punto. L'apertura e la comprensione ci sono indispensabili, ma questi sono i nostri mezzi radicali per i nostri fini radicali.


Stato traduzione Waiting original - Translating - Proofreading - Synchronize -
Lettera dal Consiglio
Anthere ad Agadir, maggio 2005

È passato un anno da quando Angela ed io siamo state elette al Consiglio Direttivo; un anno eccitante ma anche difficile. Ed è stato il primo anno di funzionamento reale della Fondazione e del suo Consiglio.

A Giugno 2004, la nascita della fondazione è stata, soprattutto, una dichiarazione di intenti di Jimbo. Il suo scopo era di creare una struttura legale per provvedere ai bisogni dei progetti di Wikimedia ed aiutare questi progetti nel loro sviluppo, promuovendo al tempo stesso le loro qualità libere e aperte. In breve, mirava a rimuovere la sfumatura commerciale dei primi tempi, come le associazioni tra wikipedia.com e bomis.com, ed assumere un certo atteggiamento ideologico.

Un anno fa, la Fondazione esisteva sulla carta, ma non aveva un'esistenza reale. Jimbo aveva una certa idea di come il Consiglio sarebbe stato. All'inizio immaginava incontri trimestrali e alcuni accordi sui principi. Tutto considerato, non un'attività impegnativa...

Testualmente : "Il ruolo del Consiglio *non* è generalmente quello di essere coinvolto nelle operazioni di tutti i giorni del sito. Il Consiglio è un'entità legale con la responsabilità del massimo potere decisionale per la Fondazione. La gestione del sito è un argomento del tutto diverso. Non prevedo che la partecipazione al Consiglio costituirà un'attività difficile o impegnativa." -- Jimmy Wales

Questo non era esattamente il punto di vista mio e di Angela, avevamo entrambe previsto di fare qualcosa in più che "prendere parte a qualche meeting"... e, credo, abbiamo effettivamente avuto una posizione un po' più emozionante :-)

Mentre Jimbo si occupava della gran parte della gestione tecnica e finanziaria, noi ci sforzavamo di portare lentamente in vita la nostra concezione del nostro ruolo: riportare a Jimbo l'opinione dei redattori; organizzare le attività generali della Fondazione; comunicare le decisioni prese dal Consiglio; dare supporto alle iniziative dei redattori ed aiutare, gradualmente, Jimbo in quei compiti nei quali non era ragionevolmente possibile fosse ancora coinvolto.

Spesso le persone mi chiedono Ma come lavorate? E, beh... il modo di lavorare è cambiato nel corso dell'anno. Nel corso dell'estate del 2004 ciacuno di noi tre era, relativamente, disponibile tanto da poter discutere dei problemi aperti per tutto il giorno sui canali IRC. Noi tre abbiamo avuto modo di incontrarci in tre diverse occasioni, in luglio, novembre e dicembre. Jimbo e Angela hanno lavorato assieme alla BBC a Londra nel corso dell'autunno...


Per Angela e me, la cosa più difficile è stata trovare il nostro posto e quindi evitare di pestarci i piedi a vicenda. Questo non è stato sempre facile; entrambe avevamo un forte desiderio di essere utili e di vedere apprezzato il nostro lavoro.

Oggi le cose stanno diversamente. Angela e io siamo molto coinvolte nelle nostre attività professionali e nelle nostre vite private. Le nostre ore di presenza su IRC ora coincidono solo parzialmente. Jimbo è spesso assente durante la settimana, poiché il successo mondiale dei nostri progetti ha portato ad una sempre maggior richiesta di presentazioni del progetto. E lui dedica il fine settimana alla sua vita privata.

Ciò che potrebbe essere un aspetto negativo, ovvero minore disponibilità per Wikimedia, e un maggiore stress dovuto a una gestione più stringente del nostro tempo, penso sia anche diventato un aspetto positivo; abbiamo dedicato molto tempo alla Fondazione, eppure abbiamo anche la nostra vita privata. Non dipendiamo interamente dal progetto.

Attualmente quindi, operiamo molto più asincronamente, via mail e con discussioni a due su IRC. Succede sempre più di frequente che Angela e io occupiamo un ruolo gestito in precedenza da Jimbo, come rispondere ai conflitti locali o seguire le richieste legali. Poiché i compiti sono numerosi, cerchiamo di dividerci il lavoro... a costo di perdere talvolta le informazioni su qualche questione che sono già state trattate da un altro membro del consiglio.

Alcune delle attività del consiglio sono visibili ai redattori. Tra le più evidenti ci sono la firma di un accordo di partnership con Yahoo! o la partecipazione in un incontro di Wikipedia. Ma più in generale, le sue azioni non sono visibili né sui wiki, né nelle più note liste di discussione. Le nostre attività quotidiane consistono in: gestione di innumerevoli email, stesura di un budget, contribuire all'organizzazione di eventi, prendere parte allo sviluppo e alla diffusione di Quarto e dei lanci stampa, aggiornare il sito web della Fondazione, promuovere la creazione di nuovi dipartimenti con le loro liste di discussione, seguire i procedimenti legali per accuse di diffamazione o di violazione del copyright, considerare la legittimità dell'uso dei loghi, mediare i conflitti sui singoli progetti, richiedere informazioni agli sviluppatori, organizzare incontri per i finanziamenti, firmare petizioni, presentare i progetti alle conferenze, rispondere a interviste e alla stampa, ordinare hardware, richiedere lo status di associazione senza fini di lucro, organizzare raccolte fondi e deducibilità fiscale, analizzare e commentare i contratti con i partner, seguire e sostenere la fondazione di associazioni locali, trasmettere le richieste dei contributori, ecc....

Poiché tutto questo non può essere gestito solo da un piccolo gruppo, che talvolta è male informato circa le fondamenta e i risultati di ogni decisione -- ad esempio nessuno di noi ha una preparazione in campo legale - è quindi necessario intrecciare un tessuto permanente di collaboratori e sperare che tutto vada per il meglio.

Ed in generale, FUNZIONA! Sfortunatamente, la moltitudine di compiti quotidiani rimanda decisioni importanti sulla giusta evoluzione della Fondazione.

In quest'anno la Fondazione ha funzionato sul modello descritto qui sopra -- con fallimenti, successi parziali e successi. Il suo ruolo è stato creato giorno dopo giorno, in base al mutare delle esigenze, sforzandosi di ottenere una crescita costante ma ragionata: lottando per prendere le decisioni per consenso e non per voto; ed appoggiando i suggerimenti di molti e ascoltando il più possibile. Spero che continuerà a crescere seguendo questo modello, costruendo gradualmente e continuamente le solide basi di operatività di cui ha bisogno.

Florence Nibart-Devouard, "Anthere" 17:58, 24 May 2005 (UTC)