Consenso

From Meta, a Wikimedia project coordination wiki
Jump to navigation Jump to search
This page is a translated version of the page Consensus and the translation is 100% complete.

Other languages:
Bahasa Melayu • ‎Basa Sunda • ‎Deutsch • ‎English • ‎Esperanto • ‎Lëtzebuergesch • ‎Nederlands • ‎Türkçe • ‎Zazaki • ‎asturianu • ‎dansk • ‎eesti • ‎español • ‎euskara • ‎français • ‎italiano • ‎latviešu • ‎lietuvių • ‎magyar • ‎occitan • ‎polski • ‎português • ‎português do Brasil • ‎română • ‎shqip • ‎čeština • ‎Кыргызча • ‎русский • ‎татарча/tatarça • ‎עברית • ‎العربية • ‎فارسی • ‎مصرى • ‎پښتو • ‎मराठी • ‎हिन्दी • ‎தமிழ் • ‎తెలుగు • ‎മലയാളം • ‎中文 • ‎中文(简体)‎ • ‎日本語

I progetti Wikimedia funzionano esclusivamente attraverso la costruzione del consenso, poiché tutti i contributori hanno gli stessi poteri (eccezion fatta per i blocchi, le cancellazioni e la protezione delle pagine, che sono funzioni limitate agli amministratori) e possono quindi annullare qualsiasi modifica. I contributori pervengono al consenso attraverso negoziazioni e pacate discussioni.

Quella che segue è una descrizione del consenso apparsa nella mailing list di Wikipedia:

«
In effetti il modo in cui normalmente si opera in WP ne descrive bene anche la sostanza: una comunità formata in larga parte da chi è d'accordo, da quelli che non concordano ma che "accettano il disaccordo" senza drammi, da quelli che non sono d'accordo ma che non danno troppa importanza all'oggetto del contendere, da quelli che sono in forte disaccordo ma che rispettano il punto di vista della comunità, da alcune voci inconciliabili e da quelli che agiscono "fuorilegge". Sta a ciascuno capire se c'è consenso, se non l'unanimità, quando si prova a costruirlo.
»

Si tenga presente che il consenso è possibile solo tra contributori ragionevoli che si sforzino di collaborare in buona fede, descrivendo in modo accurato ed appropriato i differenti punti di vista.

Spiegare cosa sia esattamente una posizione ragionevole o razionale è difficile. Praticamente ogni contributore crede che la propria posizione sia ragionevole; i buoni contributori, però, sono disposti a riconoscere che le opinioni contrarie alla propria sono anch'esse ragionevoli. In ogni caso, la pratica del consenso di Wikimedia non giustifica l'ostinata insistenza in una posizione eccentrica, rifiutando di considerare in buona fede altri punti di vista. A proposito di buona fede, invocare il punto di vista neutrale, quando si sta in realtà operando in modo parziale e tendenzioso, non servirà a mascherare la natura della propria attività.

Il consenso non può violare il NPOV (o altre policy ufficiali). Un gruppo di contributori può riuscire ad escludere alcuni fatti e punti di vista attraverso la perseveranza, il numero e l'organizzazione, tuttavia ciò non deve mai condurre ad una versione di un articolo che violi il NPOV. Consentirlo è una pratica negativa che deve essere evitata.

Vedi anche