Strategia/Movimento Wikimedia/2017/Fonti/Come sono evoluti i modi di scoprire e condividere le informazioni fidate

From Meta, a Wikimedia project coordination wiki
Jump to navigation Jump to search
Other languages:
English • ‎Tiếng Việt • ‎español • ‎français • ‎italiano • ‎polski • ‎עברית • ‎العربية • ‎हिन्दी • ‎中文
Copiato dal post sul Wikimedia blog del 7 luglio.

La Wikimedia Foundation ha recentemente ospitato tre discussioni informali con esperti sull'evoluzione storica della condivisione della conoscenza.

Old book bindings.jpg

A volte sembra che il mondo stia cambiando più velocemente che mai, ed è facile dimenticare che stiamo vivendo alla vera avanguardia di una timeline storica di creazione della conoscenza che si è evoluta attraverso i secoli e le culture, le lingue e le tecnologie.

La Wikimedia Foundation ha recentemente ospitato tre discussioni informali con esperti sull'evoluzione storica della condivisione della conoscenza, fornendo contesto prezioso per capire le moderne sfide di oggi e le opportunità per sostenere e costruire la comunità globale di Wikipedia di domani. Ognuno degli esperti che abbiamo invitato (Panthea Lee, Adam Hochschild e Uzo Iweala) ha ricordato un aspetto chiave dei nostri progetti che la Fondazione ha organizzato come parte dello sforzo più ampio per capire il futuro di Wikimedia.

Qui sotto c'è un riassunto che due temi maggiori che sono emersi dalle discussioni, ognuna delle quali è stata pubblicato con il video integrale e la trascrizione.

La nostra fiducia nelle fonti e nel metodo di distribuzione delle informazioni continua ad evolvere. Le persone hanno attitudini mutevoli nei confronti dell'affidabilità delle istituzioni della conoscenza tradizionali e più spesso preferiscono usare canali personali/su misura per scoprire e condividere informazioni con persone di cui si fidano. Questo è vero in particolare per i lettori più giovani, su cui ci siamo concentrati nella nostra discussione con Panthea Lee, lead designer a Reboot, una società di ricerca che ci ha aiutato a lanciare il progetto Nuovi Lettori in Nigeria e India.

"Vediamo un sacco di persone giovani che seguono vlogger e blogger... si sono costruiti la fiducia in certi modi per cui il contenuto di Wikipedia non verrebbe visto come credibile o facile da usare," ha detto Lee, notando che un possibile aspetto futuro per il lavoro della Fondazione potrebbe costruire modi di incorporare strumenti e risorse modulari in Wikipedia in comunità basate su canali dove i lettori più giovani leggono, scoprono, creano e condividono informazioni di cui si fidano con persone di cui si fidano più di quanto si fidano degli editori tradizionali.

La fiducia ridotta nelle istituzioni formative tradizionali potrebbe accelerare un interesse nella creazione e condivisione di conoscenza personale. "Le persone hanno fame di fonti alternative di conoscenza", ha detto Uzo Iweala, medico, autore, consigliere della Fondazione e CEO e redattore capo di Ventures Africa.

Aprirci a nuovi lettori può anche porre una fida alla verifica. Fonti di conoscenza che sono considerate di minor valore in certe comunità, come lo storytelling orale, sono fidate, fonti primarie in altre. Iweala ha fatto un esempio personale: “Possiamo ricostruire [la storia della mia famiglia] forse fino al '400, ma nessuno ci crederebbe perché l'inizio di tutto è nell'800, quando sono arrivati in britannici e hanno iniziato e hanno iniziato a tenere archivi scritti. Ma le storie vanno indietro, molto più indietro.”

La creatività nonostante gli ostacoli può ispirare metodi nuovi e brillanti per condividere la conoscenza. Adam Hochschild, co-fondatore di Mother Jones, ha ripercorso la storia della condivisione della conoscenza, fornendo alcuni esempi straordinari di come le persone hanno creato soluzioni alle barriere alla condivisione delle informazioni.

Hochschild ha parlato di un suo studio sulla Londra nel mese di febbraio 1788, quando "metà dei dibattiti di cui c'è traccia erano sulla schiavitù o sulla tratta degli schiavi." Adam voleva sapere cosa aveva causato l'enorme aumento nelle discussioni sulla schiavitù. La sua ricerca lo ha portato a scoprire un interessante caso d'uso sull'attivismo basato su un formato.

"Un piccolo gruppo ben organizzato di abolizionisti convinti ha iniziato a sperimentare" l'uso di pamphlet e ha ispirato la creazione di un famoso poster (sotto), ci ha detto, che mostra la stiva della nave negriera Britannica Brookes sotto la legge sulla tratta degli schiavi del 1788.

Slaveshipposter.jpg

Hochschild ha detto che il poster ha aiutato a rafforzare il sostegno pubblico all'abolizione della schiavitù:

La stampa di grafici in bianco e nero era possibile da circa un secolo. Ma hanno iniziato a usarlo per i loro scopi, e hanno creato un famoso poster di una nave negriera... Leggi le memorie di questo periodo e trovi molte persone che scrivono dell'impatto che ha avuto su di loro vedere per la prima volta il poster della nave negriera.

Per fare un esempio più moderno di innovazione nelle soluzioni basate sullo storytelling per la registrazione e la condivisione della conoscenza, Hochschild ha citato l'Archivio Popolare dell'India, che documenta esattamente il tipo di informazioni che i media locali hanno storicamente evitato, come le canzoni tradizionali che gli studiosi ora usano per la ricerca.

A pensare a tutte le storie che non sono state condivise solo perché non c'era ancora un modo di farlo si rimane schiacciati. Le buona notizia è che oggi la storia, e il lavoro delle comunità in tutto il mondo, mostra che è possibile costruire un futuro per la condizione della conoscenza per le nuove generazioni e culture. Tutto quello che ci serve è creatività, passione, fiducia e la consapevolezza del fatto che le cose continueranno a cambiare.

Hai cambiato il modo in cui scopri e condividi informazioni di cui ti fidi? Ti invitiamo a scoprire come per unirti alla discussione sui modi in cui partecipiamo alla condivisione della conoscenza, e parlarci delle sfide che hai davanti (e le tue soluzioni creative preferite).

Margarita Noriega, consulente per la strategia, Comunicazioni, Wikimedia Foundation

I video e le trascrizioni delle discussioni informali sono disponibili su Commons.