Strategia/Movimento Wikimedia/2017/Fonti/Bozza dei risultati della ricerca in Indonesia di maggio 2017

From Meta, a Wikimedia project coordination wiki
Jump to navigation Jump to search

Other languages:
English • ‎Tiếng Việt • ‎dansk • ‎español • ‎français • ‎italiano • ‎polski • ‎português • ‎עברית • ‎हिन्दी • ‎中文 • ‎日本語
Summary of Key Opportunities & Findings: Indonesia & Brazil

Bozza di lavoro | Ultimo aggiornamento: 6 giugno 2017

Preparata da Reboot

Presentata a Wikimedia Foundation

I. Introduzione

Questo memo espone i risultati principali della ricerca sulle Nuove voci della strategia del movimento (ex-traccia D) condotta in Indonesia e Brasile nel maggio 2017. Si tratta di una bozza di lavoro, che intende informare il processo strategico del movimento attualmente in corso alla Wikimedia Foundation (WMF).

I risultati principali sono stati organizzati in base ai cinque temi di ricerca che hanno guidato questo studio.

  • Tema 1: ricerca di informazioni generali e apprendimento
  • Tema 2: uso di internet (web e mobile)
  • Tema 3: comportamenti legati all'informazione online
  • Temi 4 e 5: consapevolezza, percezione e utilizzo di Wikipedia

Questo memo sottolinea le tendenze emergenti che potrebbero essere più rilevanti per la discussione in corso sulla strategia del movimento, con attenzione particolare ai comportamenti osservati fra gli intervistati più giovani data la loro importanza per il futuro di Wikimedia. Il documento inizia con una sintesi delle tendenze chiave, le loro implicazioni per il movimento e opportunità concrete che Wikimedia dovrebbe considerare. Quindi riassume gli approcci alla ricerca e evidenzia i risultati chiave. Le opportunità per il movimento Wikimedia sono state evidenziate in tutta la sezione risultati chiave, sotto ad ogni tema di ricerca. Tutte le opportunità indicate in questo documento sono preliminari, e intese come punti di lancio per un'ulteriore discussione.

Data le scadenze del processo di strategia del movimento, Reboot ha fatto del suo meglio per pubblicare le bozze dei risultati di alto livello in tempo per la conversazione del ciclo 2. Report separati e più formali saranno pubblicati entro la fine di giugno 2017 per dare conto di tutti i risultati della ricerca in Indonesia e Brasile.

Anche se l'analisi è basata sui risultati provenienti da Indonesia e Brasile, costruisce su modelli da altri contesti dove Reboot ha condotto ricerche per la strategia del movimento/nuovi lettori, in particolare India e Nigeria. Speriamo che questo approccio sia utile per la WMF nel sintetizzare rapidamente risultati da questi contesti ed integrargli nel processo strategico in corso.

Detto questo, Reboot crede che un esercizio di analisi comparata focalizzata sui diversi paesi con cui WMF ha a che fare potrebbe aiutare la Fondazione a capire come interpretare e pesare i risultati da diversi paesi -compresi quelli dove è stata condotta ricerca primaria- alla luce delle caratteristiche specifiche di ogni paese (condivise o meno con altri contesti). Le caratteristiche che WMF potrebbe usare per mappare, comparare e categorizzare i paesi includono: demografia di base e indicatori economici, caratteristiche socioculturali, macro-tendenze rilevanti (es. tasso di urbanizzazione, tasso di crescita nelle penetrazione mobile); e fattori politici ed economici rilevanti (es. grado di libertà dei media, livello di corruzione del settore pubblico). Questo esercizio può aiutare WMF a capire quali paesi (dove è stata condotta ricerca primaria) sono più rappresentativi di certe tendenze più ampie che sono esplorate come parte del processo strategico del movimento, e può aiutare il movimento a individuare strategie uniche e personalizzate per diversi contesti (es. in base a fattori come regione, penetrazione mobile, livello di fiducia nei media tradizionali, ecc.).

II. Sintesi delle opportunità

Wikimedia nel 2030: una fonte di (non una destinazione per la) conoscenza

La domanda centrale emersa da questa ricerca è stata: Wikipedia ha tutto questo contenuto, e ora? O per metterla in un altro modo: come può il patrimonio di tutta la conoscenza essere più rilevante e utile per le vite delle persone?

La ricerca suggerisce che costruire una robusta e rispettata destinazione per la conoscenza non sia più sufficiente. Guardando avanti, per continuare a proseguire verso la sua missione, il movimento Wikimedia deve diventare una fonte di -piuttosto che la destinazione per- la la conoscenza. Può fare questo sostenendo e rendendo possibile l'apprendimento, dovunque e in qualunque modo le persone imparino.

Questa cosa è in parte possibile grazie a iniziative interne come il feed di Wikipedia o sta succedendo attraverso prodotti esterni come il Google Knowledge Graph, ma molte di queste applicazioni sembrano essere stati i) esperimenti spinti dall'interesse nelle nuove tecnologie di singoli membri della comunità o ii) sviluppi spinti da terze parti, e a volte contrastati dai wikimediani.

La nostra speranza è che questa ricerca possa contribuire allo sviluppo di una strategia del movimento coerente e basata sulle tendenze del mercato e sulle necessità degli utenti, e abbracciata dalla comunità come un passo necessario ed evolutivo nel suo modello.

Quello che segue è un riassunto delle tendenze chiave del mercato e degli utenti emerse da questa ricerca, le loro implicazioni strategiche per Wikimedia e le opportunità specifica risultanti che il movimento potrebbe considerare mentre continua a sviluppare la sua strategia.

Tendenze chiave

La ricerca in Brasile e Indonesia, e il lavoro passato per i Nuovi Utenti in India e Nigeria, ha fatto emergere alcune tendenze chiave che il movimento dovrebbe considerare nello sviluppo della sua strategia:

  • Le persone sempre meno visitano siti web specifici; piuttosto, ricevono contenuto da colleghi o curatori nelle piattaforme dove socializzano.
  • Le persone non si aspettano più che il loro contenuto sia mediato da istituzioni fidate; piuttosto, vogliono che il loro contenuto sia curato da individui fidati. Online, la fiducia è spesso una medaglia consegnata dalla folla, nella forma di un gran volume di like o follower, o esperti o influencer in uno specifico argomento, che potrebbero non essere associati con nessuna istituzione.
  • Le persone e le organizzazioni sono sempre più creatori e curatori di contenuto esse stesse, ma hanno bisogno degli ingredienti fondamentali da fonti fidate per essere aiutate a sostenere i propri argomenti, sviluppare i loro brand e realizzare le loro missioni.

Implicazioni strategiche per Wikimedia

Il movimento Wikimedia è ben posizionato per sfruttare queste tendenze a servizio della sua missione. Ma per andare avanti, il patrimonio della conoscenza non sarà più una destinazione dove le persone andranno. Piuttosto, il contenuto di Wikipedia sarà una fonte e un motore per l'apprendimento, in tutti i modi diversi e dinamici in cui le persone imparano e consumano conoscenza.

Nel 2030 questo potrebbe significare:

  • Per altri editori, Wikipedia è il fornitore centrale di informazioni trasparenti e affidabili. Attraverso una pubblicazione più distribuita attraverso API e altri mezzi, il contenuto di Wikimedia viene pubblicato in molte piattaforme, dal New York Times al prossimo Snapchat. Questo permetterà a Wikipedia di fare da enciclopedia "appena in tempo": fornendo il contesto rilevante e le informazioni alle persone, quando e dove stanno imparando qualcosa o discutendo del mondo attorno a loro.
  • Per gli altri creatori di conoscenza, Wikimedia sostiene il loro sviluppo di contenuto. Attraverso funzionalità che che garantiscono maggiore modularità e portabilità del suo contenuto, Wikimedia permette individui e organizzazioni a sviluppare pacchetti di contenuto personalizzati per diversi casi d'uso. Ad esempio, una no-profit educativa può usare alcuni elementi del contenuto di Wikipedia - ad es. il 10% degli aspetti più rilevanti di una voce su internet, fra le altre cose - per formare la base di un corso di alfabetizzazione digitale.
  • Per la comunità, Wikimedia ha aumentato la visibilità (e quindi l'attrattività) dei contributi a Wikimedia attraverso comunità e contesti diversi. Attraverso funzionalità e programmi che riconosco i contributi dei membri della comunità, Wikimedia può evidenziare la competenza e affidabilità dei suoi creatori di contenuti, curatori e moderatori. Questo serve ad alcuni scopi: fa appello al desiderio crescente degli utenti di conoscere le fonti individuali dei loro contenuti, genera consapevolezza del modello robusto (ma speso incompreso) di Wikimedia, e serve come modo di reclutare nuovi contributori (sia aumentando la consapevolezza della possibilità di contribuire, che attraverso l'incentivo della validazione sociale garantito da questo approccio).

La ricerca suggerisce che il movimento Wikimedia possa aumentare esponenzialmente il suo impatto usando il suo contenuto ricco e approfondito per dare potere ai creatori di conoscenza e alle piattaforme in tutto il mondo. Può aiutare le persone a scoprire, imparare e dibattere in tutti i modi e luoghi diversi in cui gli piace farlo. Fare questo permette anche di fare leva sulle forze del movimento. Come comunità di conoscenza accessibile, digitale e trasparente, è perfettamente pronto per essere il motore del mondo e il facilitatore dell'apprendimento.

Opportunità specifiche

Sulla base della visione ampia delineata sopra, la ricerca fa emergere opportunità specifiche per aiutare a rendere Wikimedia più rilevante e utile, in base a modelli su come le persone ricevono e consumano informazione. Le opportunità delineato vanno da quelle più allineato con prodotti e strategia attuali di Wikimedia, a quelle che richiedono nuovi modi di pensare sul modello e la direzione di Wikimedia:

  1. Aiutare le persone a trovare quello che cercano su Wikipedia attraverso ricerca più precisa e guide e cura degli argomenti.

    La ricerca delle informazioni sta diventando sempre più guidata da compiti e ricerca, e meno orientata alla scoperta e alla navigazione. Per imparare nuove cose, le persone cercano sempre più curatori o presentatori di contenuto, che siano blog di nicchia o canali YouTube, perché li aiutino.

    Questo significa che su Wikipedia, le persone spesso troveranno voci non adatte alle loro specifiche necessità: "troppo lunghe" o in cui è "troppo difficile trovare/capire quello di cui ho bisogno". Wikimedia può affrontare questo problema "dirigendo i lettori a specifiche parti delle voci" che sono più utili per i loro compiti o a quello che gli interessa cercare, o creando portali tematici che guidino chi vuole imparare attraverso uno specifico argomento. I portali idealmente sarebbero curati e mantenuti da membri appassionati della comunità (o esperti/influencer esterni), dato che le persone cercano sempre di più persone, e non istituzioni, perché curino le loro esperienze di contenuto.

  2. Incontrare le aspettative e le preferenze degli utenti relative al contenuto online diventando più visuali, in tempo reale e social.

    Man mano che i giovani e i nativi digitali diventano una parte sempre maggiore della popolazione online e influenzano i comportamenti delle persone attorno a loro e le direzione delle piattaforme tecnologiche le regole e le aspettative le aspettative per le esperienze digitali stanno cambiando. Visuale, tempo reale e social non sono soltanto slogan; la ricerca dimostra che sono le caratteristiche delle piattaforme contenutistiche che le persone preferiscono sempre di più. I giovani ricevono le notizie seguendo gli account Instagram dei siti di notizie, guardando i trending topic su Twitter, e quindi discutendo le notizie che hanno raccolto con gli amici in gruppi WhatsApp.

    Questi comportamenti stanno costringendo i media a adattare il modo in cui impacchettano, distribuiscono e sostengono le conversazioni sul loro contenuto, e Wikimedia dovrà considerare come adattare il suo modello a questo panorama in continuo mutamento. Potremmo permettere ai video di fungere da note, per andare incontro al modo in cui ai giovani piace imparare? Potremmo segnalare in pagine di spicco nelle piattaforme più popolari quando ci sono modifiche rapide e concentrate, per aiutare a far emergere notizie che potrebbero altrimenti non uscire ad un livello globale? Potremmo sostenere le conversazioni sulle piattaforme di messaggistica attraverso anteprime delle voci nell'app? Tali idee meritano di essere considerate man mano che Wikimedia si adatta alle preferenze relative al contenuto della prossima generazione.

  3. Rendere possibile l'apprendimento in tutti i luoghi e modi in cui le persone imparano, rendendo il contenuto più modulare e portatile.

    Quando Wikipedia è nata, internet era un luogo molto diverso. C'erano molte meno piattaforme per l'apprendimento, sia formali e orientate all'università, sia informali e orientate alla persona. C'erano anche molti meno creatori di contenuti, sia online che offline. Oggi, con la democratizzazione sia della conoscenza che della creazione e pubblicazione dei contenuti le piattaforme per l'apprendimento spuntano come funghi. Gli utenti, per la loro parte, stanno entusiasticamente imparando in molti modi, da video-manuali su YouTube e comunità che ti aiutano a fare i compiti come Brainly.com.

    Anche se Wikipedia potrebbe non essere più una destinazione primarie per l'apprendimento, ha il potenziale per essere un motore primario per l'apprendimento, fornendo contenuto rilevante, affidabile e personalizzabile da altri fornitori di contenuti. Può sostenere no-profit prive di risorse che sviluppando curriculum di formazione delle competenze per i disoccupati. Può sostenere club doposcuola che sono interessati ad estendere l'apprendimento al di fuori della classe. Può sostenere esperti che vogliono contenuto affidabile e facile da usare per sostenere i loro curricola su diversi argomenti. Wikimedia ha il potenziale per servire tutte queste comunità e, nel farlo, aumentare esponenzialmente l'impatto del suo contenuto.

  4. Costruire una comunità con la passione di aiutare le persone ad imparare, lavorando con esperti, curatori e ambasciatori di contenuti di nicchia.

    Wikipedia ha una comunità brillante che per passione vuole sviluppare la fonte di conoscenza più rispettata nel mondo; ora ha bisogno di investire nel costruire una comunità che sia ugualmente coinvolta nello scopo di portare quella conoscenza in tutto il mondo. Come detto in precedenza (e descritto in maggiore dettaglio nei risultati che seguono), le persone oggi stanno cercando sempre di più individui affidabili che curino il loro contenuto. Inoltre, la ricerca ha scoperto che un numero significativo che attualmente non considera Wikipedia come una fonte affidabile di informazione ha questa impressione sulla base dei commenti fatti da un individuo (spesso un insegnante). La linea di fondo è che gli individui contano, che si tratti di creare lettori di Wikimedia, membri della comunità o oppositori

    Andando avanti, Wikimedia dovrebbe considerare di attrarre e investire in alleati e membri della comunità che si concentrino non solo nella creazione di contenuti (che è il focus della comunità oggi), ma a portarla alle persone nei forum e canali che usano per imparare. Può trattarsi di programmi che spingano gli influencer digitali ad usare contenuto di Wikimedia e ad integrarlo nel loro lavoro. Può trattarsi di ambasciatori nelle scuole che aiutino gli studenti a insegnare ai loro colleghi come accedere e usare in maniera appropriata Wikipedia per i compiti. Coltivare alleati e campioni nel settore educativo, e in particolare nell'istruzione superiore, può avere risultati esponenziali, dato l'impatto negativo dello scetticismo generato all'interno del settore.

  5. Costruire partnership per servire le persone difficili da raggiungere o marginalizzate, facendo leva sui valori e sulle risorse uniche del movimento Wikimedia.

    Nei suoi primi 16 anni, Wikimedia è cresciuta in una forza globale potente e unica, con una comunità diversificata, appassionata e talentuosa. La sua visione ha ispirato molti e li ha portati all'interno del movimento. Ha prodotto una portata globale immensa. Ma ci sono ancora molte persone che a cui i prodotti centrali di Wikimedia non arrivano: le persone non connesse digitalmente, gli illetterati o con capacità di lettura di base. Andando avanti, il movimento dovrebbe considerare partnership per aiutare 1) a espandere l'accesso digitale e l'alfabetizzazione, e 2) per migliorare l'accessibilità del suo contenuto.

    Questo può includere sostegno a access point wifi in luoghi pubblici, sviluppo di contenuto personalizzato per corsi di alfabetizzazione digitale o fornire versioni “semplici” o “lite” del suo contenuto. Questo può richiedere che membri della comunità forniscano servizi di supporto (es. adattare il contenuto di Wikipedia per specifici casi d'uso o curricola) per organizzazioni orientate al sociale. E tutto questo potrebbe richiedere collaborazioni con governi, gruppi della società civile, educatori e altri nuovi alleati.

    C'è, comunque, il rischio di perdersi in minuzie, in particolare quando Wikimedia cerca nuove collaborazioni. Il movimento dovrà essere chiaro su come valuterà specificamente diverse opportunità di raggiungere “ogni singolo essere umano” e quali sarebbero i costi opportunità e i trade-off associati ai diversi approcci.

Infine, il successo delle strategie citate dipenderà dall'abilità di Wikimedia di chiarire il suo brand e far capire i suoi processi, nei suoi punti di forza e in quelli di debolezza. In un mondo che è sempre più scettico nei confronti delle istituzioni e portato al pregiudizio, il modello di Wikimedia può fornire importanti lezioni e contenuto neutrale e fattuale. Ma, come la ricerca in diversi paesi ha mostrato, il contenuto di Wikimedia non è sempre considerato degno di fiducia. Ci sono molti modi di approcciare questa sfida, e molti grandi sforzi sono già in corso, ma affrontare questa questione di petto sarà critico per il successo futuro del movimento.

Oltre a chiarire i suoi processi, Wikimedia ha anche l'opportunità di migliorare la consapevolezza del brand attraverso eventi e promozioni rivolte a quelli al di fuori della comunità di Wikimedia. Ad esempio, creando Festival della Conoscenza elevando la conoscenza locale. Pensate a edit-a-thon che incontrano fiere di quartiere, portando assieme istituzioni culturali locali come musei, musicisti e organizzazioni sociali per celebrare la conoscenza e la cultura locale, e contemporaneamente diano la possibilità alle persone di capire meglio l'importanza del movimento per la cultura libera.

III. Background della ricerca

Obiettivi e approccio della ricerca

L'obiettivo complessivo di questo progetto è informare il processi strategico del movimento Wikimedia, fornendo ricerca primaria su e input da nuovi ed esistenti lettori in mercato a bassa penetrazione, dove il movimento non è molto conosciuto. La ricerca primaria condotta in Indonesia e Brasile punta a:

  • Raccogliere e sintetizzare i comportamenti globali rilevanti e i trend che impatteranno il futuro del movimento Wikimedia per i prossimi 15 anni. In particolare, la ricerca esamina i comportamenti e identifica i trend relativi a come le persone cercano, usano e arrivano a fidarsi delle informazioni, in particolare quelle che trovano online.
  • Capire l'attuale consapevolezza, percezione e uso di Wikipedia per lettori esistenti e potenziali. Confrontare consapevolezza, percezione e uso con altre piattaforme per la ricerca di informazioni e l'apprendimento per determinare i vantaggi comparati e le limitazioni di Wikipedia, e identificare le opportunità di avanzamento.
  • Imparare da esperti e istituzioni locali nei campi rilevanti (conoscenza, comunità e tecnologia) su come WMF può meglio avanzare la propria missione nello specifico mercato a bassa penetrazione nei prossimi 15 anni, e come meglio servire gli utenti al suo interno.

La ricerca sul campo in Indonesia e Brasile è stata condotta in due momenti ognuno dalla durata di oltre 10 giorni, ed è stata guidata da una squadra di Reboot.

In Indonesia, la ricerca è stata supportata dal Global Partnerships Lead di WMF per l'Asia e da tre ricercatori indonesiani. In Brasile, la squadra è stata accompagnata dal direttore delle Strategic Global Partnerships di WMF, il Global Partnerships Lead dell'America Latina, il New Readers Product Manager e da tre ricercatori brasiliani.

I metodi di ricerca hanno incluso una breve rassegna della letteratura, interviste etnografiche semi-strutturate, osservazione degli utenti e interviste a esperti e informatori chiave.

Panoramica del campione di ricerca

In Indonesia, la ricerca sul campo è stata condotta con 61 intervistati e 3 informatori chiave in Giava Occidentale. In Brasile la ricerca sul campo è stata condotta con 52 intervistati e 5 informatori chiave nello stato di Bahia. Gli intervistati coprivano una serie di caratteristiche che che i criteri prestabiliti per il campione con meno di 10% di differenza in termini di distribuzione per quanto riguarda genere, età, rappresentazione di quelli nel settore educativo e livello di accesso a internet. Le caratteristiche degli intervistati erano quindi le seguenti:

  Indonesia Brasile
Località
  • 48% Bandung (area urbana)
  • 36% Sukabumi (area periurbana)
  • 16% Cianjur (piccola città)
  • 53% Salvador (area urbana)
  • 29% Alagoinhas (area periurbana)
  • 18% Santo Amaro (piccola città)
Accesso ad internet
  • 48% accesso illimitato[1]
  • 29% accesso moderato
  • 19% accesso limitato
  • 9% non connessi
  • 42% accesso illimitato
  • 27% accesso moderato
  • 20% accesso limitato
  • 11% non connessi
Età
  • 11% 15-17
  • 26% 18-25
  • 35% 26-35
  • 32% 35+
  • 7% 15-17
  • 30% 18-25
  • 37% 26-35
  • 43% 35+
Genere
  • 57% maschi
  • 43% femmine[2]
  • 49% maschi
  • 51% femmine
Occupazione
  • 40% nel settore educativo:
    • 61% studenti
    • 26% educatori
    • 13% amministratori scolastici
  • 50% occupati al di fuori del settore educativo
  • 10% sotto/disoccupati 
  • 33% nel settore educativo:
    • 67% studenti
    • 17% educatori
    • 16% amministratori scolastici
  • 42% occupati al di fuori del settore educativo
  • 25% sotto/disoccupati
Abilità linguistiche
  • 18% alte
  • 82% moderate-basse
  • 7% alte
  • 93% moderate-basse

IV. Risultati chiave

Theme 1: General information seeking & learning

Come cercano informazioni e imparano le persone?

Conclusione 1

La rapida crescita delle app di messaggistica ha reso più sfumata la linea fra ricerca e consumo di informazioni online e offline.

  • La popolarità delle app di messaggistica (es. WhatsApp, Line, Telegram) è salita alle stelle negli ultimi anni, a causa di vari ragioni sociali, pratiche ed economiche.[3] Alla fine del 2016, WhatsApp era installato sul 58% degli smartphone in Indonesia, un aumento di circa il 300% rispetto all'anno precedente.[4] Nel 2015 gli utenti brasiliani di WhatsApp sono passati 38 milioni a 42 milioni in meno di due mesi.[5]

    In Indonesia, è normale per le persone avere più app di messaggistica installate sul proprio telefono, ognuna per comunicare con un circolo sociale diverso. Ad esempio, WhatsApp è usato soprattutto per il coordinamento professionale e Line per comunicare con gli amici. In Brasile invece WhatsApp è ancora il più comune per comunicare con reti sociali diverse.

    Queste app permettono alle persone di continuare i comportamenti sociali esistenti -sia la cultura brasiliana che quella indonesiana sono collettiviste e molto sociali- con maggiore facilità (es. accesso a familiari e amici dovunque siano), maggiore efficienza (es. rapida e ampia raccolta e disseminazione di informazioni) e a costo ridotto (es. le aziende di telefonia spesso offrono accesso gratuito o a basso costo alle app di messaggistica per attirare i clienti).

  • Ricevere informazioni attraverso app di messaggistica è visto come equivalente a farlo tramite passaparola, solo più velocemente e attraverso una rete più ampia. Queste app sono viste come un mondo per estendere comportamenti sociali offline già esistenti, e non necessariamente come "essere offline". Questo è particolarmente comune fra le persone con bassa alfabetizzazione digitale e/o accesso, perché tendono a usare internet principalmente attraverso app di messaggistica (che sono punti di entrata comuni per l'uso di internet).
  • Per molti, usare app è spesso visto come diverso e distinto dall'usare internet. Specialmente quelli con alfabetizzazione digitale o accesso a internet limitati tipicamente non pensano a "usare le app" (in particolare di messaggistica e social media) come "usare internet" (che è associato all'usare un browser). Anche quelli con accesso a internet e alfabetizzazione moderata spesso non fanno il collegamento fra usare app mobili e essere online. I termini "internet" e "online" potrebbero stare perdendo di significato per questo pubblico, che si riferisce a quello che fa con il nome dell'app che sta usando (es. "Sono su Facebook" o "su WhatsApp" potrebbe non avere un collegamento mentale con "sono online" o "su internet").

Finding 2

Piccole reti molto specifiche sono diventante enormemente popolari, perché è diventato più facile creare "gruppi" su app di messaggistica. Dato che è diventato così facile, le persone stanno creando queste reti per situazioni diverse.

  • Permettendo alle persone di organizzare le loro connessioni in "gruppi", le app di messaggistica hanno portato alla proliferazione di piccole reti molto specifiche per una vasta gamma di applicazioni personali e professionali. La popolarità dei social network tradizionali è in declino; un intervistato indonesiano di 17 anni ha detto che "Facebook è per i vecchi". Le persone vogliono più controllo sulle informazioni che condividono (e che conversazioni hanno) e con chi. Le app di messaggistica permettono questo controllo attraverso reti personalizzate, molto specifiche e con specifici scopi.

    Come risultato, le persone ora stanno creando reti organizzate attraverso specifici argomenti (es. notizie iperlocali o di quartiere, squadre sportive), tipi di relazioni (es. famiglia, colleghi, compagni di classe) e/o esperienze condivise (es. partecipanti a un evento specifico). La maggior parte delle persone (a parte quelle con accesso a internet o alfabetizzazione estremamente limitata) appartiene a diversi gruppi di messaggistica, che rappresentano diversi aspetti delle (diverse comunità nelle) loro vite, sia che queste comunità esistano da molto tempo (es. famiglia) o temporanea e transitorie (es. corso lungo un semestre).

Opportunità
  • Identificare e comunicare casi d'uso facilmente replicabili. Identificare particolari reti molto specifiche che dato scopo e composizione possano prestarsi a trovare utilità nei tipi di contenuto che Wikipedia fornisce. Considerare di usare questi casi d'uso con elevata probabilità e alto impatto per casi d'uso per creare campagne o materiali di comunicazione sui modi in cui le persone sempre più spesso trovano e condividono informazioni.
  • Ottimizzare il contenuto di Wikipedia per la condivisione. Esaminare i tipi di contenuto che le persone condividono in gruppi di messaggistica istantanea, e considerare di rendere gli ingredienti delle voci di Wikipedia più modulari e più facilmente condivisibili, evidenziandoli con attributi (formato, design, ecc.) che li preparino per la condivisione.

Conclusione 3

L'ascesa di reti basate sulla messaggistica ha impattato profondamente il modo in cui le persone raccolgono, condividono e determinano il valore delle informazioni nelle loro vite. Le persone sono sempre più abituate all'idea che l'informazione arrivi a loro (invece di doverla andare a cercare), e quindi a validarla attraverso reti ospitate su app.

  • L'informazione, in particolare quella che è di attualità o sensazionale, tende a diffondersi rapidamente attraverso queste reti molto specializzate, anche se la disseminazione di informazioni non era lo scopo di queste reti. Le persone condividono tutti i tipi di informazioni attraverso gruppi di messaggistica, che siano legati allo scopo del gruppo o meno. Poiché le persone appartengono e diversi gruppi, possono prendere condivisa in un gruppo e distribuirla in altri gruppi, se ritengono che sia di interesse dei destinatari.
  • Le dinamiche della condivisione di informazioni nei gruppi di messaggistica hanno contribuito all'idea che:
    1. L'informazione condivisa attraverso app di messaggistica sia urgente e importante. Il fatto che gli utenti ricevono notifiche push da queste app contribuisce all'idea che le notizie condivise attraverso questi canali siano urgenti e importanti. Ogni volta che c'è un nuovo messaggio, gli utenti ricevono una notifica (dallo studio non è emersa una singola persona che avesse le notifiche disattivate) e, come la ricerca scientifica ha mostrato, controllare i messaggi in arrivo provoca un aumento di dopamina nel cervello.[6] Questo significa che le persone si sentano letteralmente bene controllando le notifiche, e la sensazione fisica crea un feedback positivo che sostiene questa abitudine.
    2. L'informazione, soprattutto dei mezzi di informazione, è vera solo quando è stata validata attraverso fonti multiple, che è rinforzato da una crescente sfiducia nelle istituzioni formali, e da una crescente facilità della ricerca digitale. Questo può essere realizzato:
      • vedendo gli stessi fatti in più luoghi (che è più facile per quelli con maggiore accesso a internet e alfabetizzazione, perché possono cercare una notizia e corroborarla attraverso diverse fonti) o
      • vedere la stessa notizia passare in diversi gruppi a cui si appartiene (che è più comune per quelli con minore accesso a internet e alfabetizzazione).
Opportunità
  • Aiutare le persone a seguire contenuto di Wikipedia "eccitante" (es. voci che stanno avendo una quantità inusuale di modifiche) o legato a uno specifico interesse (es. uno specifica squadra di calcio). Identificare i tipi di edit alle voci di Wikipedia che le persone possono voler "seguire", ricevendo notifiche (es. attraverso un app di messaggistica). Può trattarsi di modifiche relative a personaggi politici, risultati di partite, notizie che possono informare o risolvere scommesse da bar, ecc. Aiutare gli utenti a creare notifiche personalizzare per specifici tipi di aggiornamenti delle voci (es. in stile IFTTT, dove sono basate su dichiarazioni condizionali) che quindi creino la sensazione che Wikipedia sia una risorsa live e altamente pertinente che meriti di essere inserita nel loro flusso regolare di comunicazioni e condivisione di aggiornamenti con i loro colleghi.

Conclusione 4

Le persone stanno sempre più ricevendo nuove informazioni soprattutto da individui, integrandole poi con informazioni da istituzioni.

  • Il punto dell'informazione ora è che arrivi dalle persone giuste, piuttosto che dalle giuste organizzazioni.[7] Questo ha portato all'idea che dovresti seguire le persone giuste (per quelli meno alfabetizzati digitalmente attraverso gruppi di messaggistica; per quelli più alfabetizzati digitalmente nella forma di account specialistici di social media) per ricevere le informazioni di cui hai bisogno. L'informazione sui siti web sta sempre più diventando una fonte supplementare di informazione, non per imparare ma per verificare o approfondire la conoscenza.

    Quelli con alto livello di alfabetizzazione digitale sono capaci di costruire reti di pari (che vanno oltre quelli che conoscono offline) per scambiare informazioni. Hanno sviluppato le capacità necessarie per scoprire e collegarsi a produttori di contenuti di cui si fidano. In Brasile, ad esempio, un imprenditore ha deciso di seguire dei blogger perché rispettava il contenuto che producevano, ma soprattutto per potersi collegare con loro per fare domande specifiche. Quelli con minore alfabetizzazione digitale, dall'altro lato, potrebbero avere più difficoltà a trovare specialisti nel contenuto di cui fidarsi al di là delle loro reti personali e devono fare affidamento a informazioni che gli arrivano attraverso il passaparola, sia online che offline.

  • Come risultato, è sempre più raro, specialmente fra gli utenti più giovani e quelli più esperti in digitale, navigare su internet o andare su siti specifici. Quando le persone, specialmente quelle più giovani e/o digitalmente connesse iniziano, iniziano una ricerca di informazioni, tipicamente lo fanno per i) verificare o scoprire di più riguardo a qualcosa che hanno imparato dai loro colleghi, tipicamente attraverso app di messaggistica o ii) scoprire qualcosa che è direttamente o immediatamente rilevante per le proprie necessità personale (es. come fare qualcosa, come cucinare un piatto specifico).
Opportunità
  • Nominare ambasciatori di argomenti/curatori di contenuti per aiutare le persone a scoprire e navigare contenuto su argomenti su cui sono profondamente appassionati. Questi curatori di contenuti dovrebbero essere sulle piattaforme che le persone usano per scoprire, discutere e condividere contenuto, piuttosto che essere solo su Wikipedia. Possono condividere la loro passione per certi argomenti in un modo che sia più autentico e in cui si possa identificare (e allineato con il modo in cui le persone attualmente vogliono ricevere informazioni), e impacchettare piccoli pezzi di contenuto di Wikipedia e unirlo a contenuto rilevante da altre fonti, per condividerlo su altre piattaforme.

Conclusione 5

Il valore delle informazioni viene sempre più valutato in base a indicatori relativi all'individuo che produce il contenuto, piuttosto che l'istituzione con cui sono associate.

  • La tendenza verso raccolta di informazioni basata sull'individuo ha portato a nuovi indicatori di valore, una miscela di di utilità e affidabilità del contenuto, per i produttori di informazione. I modi di valutare il contenuto includono:
    • La vicinanza della connessione sociale: più vicini sono a me, più probabile che sappiano cosa voglio e di cosa ho bisogno (utilità) e più posso verificare il contenuto con le nostre connessioni sociali condivise (affidabilità)
    • Quantità della validazione sociale: più seguaci hanno, più è probabile che stiano fornendo contenuto che è utile alle altre persone (utilità) e mi fiderò della saggezza delle folle per determinare che sono validi (affidabilità)
    • Intersezione di vicinanza della connessione e della quantità della validazione: più i miei amici e pari validano una particolare fonte (una miscela delle due caratteristiche sopra), più so che è una fonte di valore per me.
    • Indipendenza del produttore del contenuto: quando professionisti o "esperti" (es. giornalisti o educatori) credibili auto-producono contenuto indipendentemente da istituzioni, posso fidarmi perché questo contenuto è prodotto senza pregiudizi o influenze istituzionali.

Conclusione 6

I non connessi hanno poco controllo sulla loro dieta informativa e si basano ampiamente sulle informazioni disseminate attraverso passaparola e intermediari pubblici (es. televisione, radio e istituzioni pubbliche).

  • Quelli che non sono connessi ricevono informazioni in maniera soprattutto passiva e hanno modi limitati per cercarle a parte il passaparola. Per raggiungere i non connessi, le istituzioni sociali mandano personale nelle comunità per presentare direttamente le informazioni sui servizi offerti. Questo scambio fisico di informazioni è efficace, ma può raggiungere solo una piccola parte della comunità. Le organizzazioni più efficaci hanno identificato inflencer e leader della comunità a cui passare le informazioni, sfruttando al massimo il modello del passaparola.
  • In aggiunta al passaparola, televisione e radio sono ancora le principali fonti per quelli che hanno scarso o nessun accesso a internet . Spesso quelli con limitato accesso non mettono in discussione la validità di queste fonti, piuttosto vi si affidano sia per le informazioni pratiche che per le notizie di cui hanno bisogno nella loro vita quotidiana. Quelli che si fidano della TV come principale fonte di informazione tendono a riconoscere a fidarsi di specifiche personalità televisive piuttosto che di specifici canali o aziende di comunicazione. Si assicureranno di vedere specifici programmi nel corso del giorno per imparare da queste personalità.

Tema 2: uso di internet (web e mobile)

Come usano internet le persone?

Conclusione 7

Sia il Brasile che l'Indonesia sono ampiamente visti come paesi mobile-first, con la penetrazione del mobile che guida molti comportamenti e abitudini digitali. Per utenti di internet che si affidano al cellulare, i loro modelli mentali e comportamenti legati a internet sono diversi da quelli dei loro colleghi computer-first.

  • La penetrazione del mobile in Indonesia e Brasile è estremamente alta. La penetrazione del mobile è attorno al 130% in entrambi i paesi (questo significa che molte persone hanno più di una SIM). Alla metà nel 2016, la penetrazione degli smartphone era del 47% in Indonesia[8] e del 57.8 % in Brasile.[9] I cellulare sono più economici e facili da usare dei computer (ed è più facile avere supporto dai colleghi). Come risultato, molti indonesiani, in particolare quelli che non sono esposti al computer o non hanno la possibilità di usarlo a scuola o al lavoro, usano internet per la prima volta attraverso telefoni cellulari, e i telefoni cellulari potrebbero essere la loro sola connessione a internet.
  • Questo, comunque, non significa necessariamente che l'utilizzo di internet sia mobile-first... per ora. È difficile dire quanta attività su internet sia mobile-first o mobile-only attualmente, ma è chiaro che sta crescendo. Mentre nel 2014 uno studio di Baidu ha scoperto che il 55.2% degli intervistati in Indonesia hanno fatto esperienza di internet per la prima volta attraverso un computer[10] e un sondaggio E.Life dello stesso anno ha stimato che il 47% dei brasiliano accedono a internet attraverso il computer,[11] studi più recenti suggeriscono che il cellulare sia più utilizzato. Sia nello studio di Baidu che in altri più recenti, sembra che gli smartphone stiano diventando sempre più popolari per accedere a internet. Le statistiche, comunque, differiscono su quanto l'uso conti il mobile nell'uso di internet. In Indonesia ad esempio, alcuni studi mostrano che il 70% delle visite alle pagine web viene dal mobile (StatCounter, January 2016)[12] mentre altri citano il 36% degli utenti di internet (Nielsen Indonesia, 2016).[13]
  • Parte della causa dell'imprecisione delle statistiche potrebbe essere che le persone non sempre sanno di essere su internet." Quelli che usano le app di messaggistica, ad esempio, potrebbero non considerare tale attività come "essere su internet". Questo è esacerbato dal fatto che molti operatori mobili offrono pacchetti gratuiti o low-cost per le app di messaggistica, che gli utenti potrebbero interpretare come "free".

    Gli operatori mobili brasiliani Claro e Oi offrono accesso zero-rated a Facebook e Twitter ai sottoscrittori del piano dati, come modo per avere più clienti. TIM è stata la prima a introdurre un piano in cui ogni file trasferito attraverso WhatsApp non comportasse costi di dati.[14] Come risultati di questi pacchetti, usare "internet" è ampiamente percepito, al contrario, come una cosa che costa soldi.

  • Gli utenti mobile-first tendono a usare molto le app, in particolare quelle il cui utilizzo è scontato o gratuito. Questi significa tipicamente app di messaggistica o social network. Nel tempo, questo impatta il modo in cui vedono internet e lo navigano. Questo impatta il modo in cui gli piace ricevere contenuto (pre-impacchettato e con una specifica interfaccia grafica o con preferenze di visual design), e potrebbe impattare quanto loro si trovano a loro agio nel navigare su internet (senza una esperienza curata e diretta come quella fornita dalle app).

    Quelli con accesso moderato o illimitato a internet danno la priorità al download e usano app per risparmiare tempo. Scelgono app che aggregano informazioni (es. quelle che mettono insieme diverse fonti informative) o hanno una funzione molto specifica (es. app di e-banking o di health-tracking). Gli utenti attenti al costo sono più selettivi nelle app che scaricano. Sono attenti a non scaricare (o tenere) app che sprecano dati, memoria o tempo davanti allo schermo (es. che sono per la navigazione distratta: Instagram, Facebook).

Opportunità
  • Essere proattivi e strategici, ma attenti, sulle implicazioni della generazione mobile-first o mobile-led. C'è molta discussione sulla generazione mobile-first, ma molti dei titoli e degli studi quantitativi non coprono le specificità di quello che le persone fanno o meno sul mobile, e quali sono le loro preferenze. Prima di investire troppo pesantemente in una strategia solo mobile, organizzazione come la WMF dovrebbero una comprensione maggiore di abitudini, preferenze e tendenze rilevanti per il comportamento mobile, e investire in testing approfondito su nuovi possibili prodotti. A questo scopo, il modo più vantaggioso di procedere potrebbe essere organizzare ricerca e testing coordinati fra diverse squadre funzionali interessate alle opportunità (e limitazioni) del mobile.

Conclusione 8

Con la dominazione dell'uso di internet via mobile, il livello di accesso a internet (e quindi l'alfabetizzazione digitale) delle persone è altamente correlato al loro reddito.

  • Il costo dei dati mobili è ancora relativamente alto in Indonesia. La maggior parte dei consumatori compra pacchetti di dati prepagati. Uno studio recente ha dimostrato che un lavoratore indonesiano che riceve il salario minimo dovrebbe lavorare oltre 5 ore per potersi permettere 1 GB di dati (che costavano, in media 2,84 dollari statunitensi nel 2015)[15] [Nota: maggiori informazioni su copertura mobile, reti e costi è disponibile su questo sito, basata su dati del 2015.]

    In Brasile, il governo sta lavorando dal 2014 con le compagnie telefoniche per abbassare il prezzo dei dati. Ma, con metà della popolazione che guadagna salari bassi, i dati continuano a essere costosi per il brasiliano medio. Alcuni studi dicono che per un lavoratore col salario minimo (circa 1.05 dollari statunitensi all'ora) circa 34 ore per magari per un piano dati da 500 MB (circa 35.80$).[16]

  • Il costo dei dati mobili è una barriera che impedisce alle persone con reddito basso di connettersi. Una recente ricerca di PwC ha affermato che il costo dei dati mobili dovrebbe scendere del 65% in Indonesia e del 68% in Brasile per diventare generalmente accessibile (un piano dati prepagato che garantisca fino a 500 MB al mese e costi il 5% o meno del reddito lordo mensile di una persona) per le persone attualmente non connesse.[17]

    Gli utenti a basso reddito tendono a comprare dati con offerte prepagate. Le comprano quando se lo possono permettere, le usano immediatamente, e poi per un certo periodo fanno a meno dei dati.

  • Per quelli che hanno i dati solo occasionalmente, l'accesso a wifi convenienti è fondamentale per essere online. In Brasile, le famiglie a basso reddito usano sottobanco modelli di condivisione dei costi che permette loro di accedere a internet da casa. Alcuni modelli sono semplicemente la condivisione di router e password con un vicino, mentre altri sono più complessi con piccoli imprenditori che mettono in piedi piccole imprese nel quartiere e vendono internet via radio a basso costo ai vicini. In Indonesia, è poco comune avere internet wireless a casa.
  • Mentre le reti wifi pubbliche stanno crescendo come disponibilità, queste offerte sono limitate ai centri urbani e ancora tendenzialmente poco convenienti, affossando uno dei principali benefici dell'internet mobile: l'informazione che vuoi quando la vuoi. Per ridurre i costi legati alla navigazione, gli indonesiani basso o medio reddito solitamente accedono a internet attraverso spot wifi pubblici, che stanno diventando sempre più comuni e aperti a tutti in luoghi pubblici, e la norma (anche se richiedono una password) in molti uffici, scuole, bar e ristoranti e quelli che hanno computer spesso fanno tethering con i loro cellulari. Nelle aree più rurali, questo meccanismo è meno comune.
Opportunità
  • Ridurre le barriere all'accessibilità di internet attraverso nuovi prodotti e collaborazioni. Lavorare con le istituzioni e i leader locali per sostenere l'accesso al contenuto con o senza internet. Ad esempio, promuovere l'accesso attraverso punti wifi pubblici o collaborando con università o biblioteche pubbliche per sviluppare alternative offline che abbiano bisogno solo di aggiornamenti periodici.
  • Wikipedia Zero può giocare un ruolo nell'alleviare il costo dell'accesso all'informazione online. WMF dovrebbe valutare se e come integrare Zero nel mercato indonesiano.

Tema 3: comportamento legato all'informazione online

Come le persone accedono a, valutano e usano l'informazione online?

Conclusione 9

Sia brasiliani che indonesiani si trovano bene ad usare strumenti di traduzione per ottenere il massimo dalla loro esperienza online.

  • Contenuto online altamente specialistico in portoghese e indonesiano può essere difficile da trovare. Al di là di notizie e informazioni nazionali e locali, gli intervistati dicono che è difficile trovare informazioni in lingue locali utili per scuola, lavoro o interessi personali. Gli intervistati con alta alfabetizzazione digitale hanno spesso detto che "più specifiche sono le domande più è probabile che le risposte siano in inglese". Di conseguenza, quelli che parlano inglese ritengono che per tirare fuori il massimo da internet sia necessario essere a proprio agio almeno con l'inglese scritto.
  • Le persone che hanno una conoscenza limitata dell'inglese scritto non la vedono come una barriera all'uso di internet in inglese. In generale, le persone con conoscenza limitata dell'inglese navigano nella loro lingua locale. Quando cercano informazioni specialistiche però la maggior parte degli utenti con medio (a più alto) accesso e confidenza digitale sono a proprio agio con l'uso di servizi di traduzione automatica (che siano quelli del browser, app o Google Traduttore).

    Per Wikipedia, quelli con maggiore alfabetizzazione e confidenza digitale hanno capito come passare da una lingua all'altra, anche se la maggior parte degli utenti tende a tornare alla pagina con i risultati della ricerca e cliccare sui risultati in inglese e nella lingua locale per vederli entrambi.

  • Quelli con una conoscenza superiore alla media dell'inglese tendono a navigare in inglese e ad accedere a più contenuti da fonti internazionali. Questo è visto come un modo più efficiente e efficace di ottenere le informazioni che si cercano, perché in inglese si trovano più cose.

Conclusione 10

Leggendo un testo online, le persone tendono ad essere più veloci e più orientate all'obiettivo ("cerco rapidamente quello che mi serve") ma tendono a consultare fonti multiple. Consultando contenuto visuale online, le persone tendono a prendersi più tempo e ad essere più orientate alla scoperta ("esploro alla ricerca di quello che mi piace").

  • Le persone tendono a cercare proattivamente e leggere pagine web e articoli pieni di testo quando hanno domande specifiche a cui cercano risposta. Questo può succedere quando cercano informazioni specifiche per scuola o per il lavoro, informazioni supplementari rispetto a quelle che hanno ricevuto attraverso altri canali, o hanno semplicemente una domanda specifica che ha bisogno di una risposta. Quando cercano questa informazione, tendono a guardare rapidamente la pagina finché non hanno trovato quello che cercano, e ignorare tutto il resto..

    Man mano che le persone diventano più alfabetizzate digitalmente, guadagnano anche maggior controllo della loro dieta informativa, che controintuitivamente apre a un ampio panorama informativo. Per navigare in queste complessità, usano strumenti per affrontare questo ampio panorama informativo.

  • Quando si cercano informazioni testuali, la posta in gioco tende ad essere più alta, perché l'informazione sarà usata per completare un compito specifico. Di conseguenza, è probabile che l'utente faccia una triangolazione fra varie fonti. La qualità dell'informazione diventa più importante, perché il completamento del compito (che sia per la scuola, il lavoro, o per partecipare a una conversazione) sarà giudicato da fonti esterne, e spesso qualcuno in posizione di autorità. Di conseguenza, diventa ancora più importante fare controlli incrociati sull'informazione in vari luoghi. Nel farlo, il modo di consultare il contenuto è ancora largamente quello della "scansione rapida".
  • Quando non cercano per un compito specifico, le persone (in particolare i più giovani) navigano l'internet con applicazioni o fonti principalmente visuali, es. Instagram e YouTube. Usano anche le funzioni Esplora (Instagram) o Prossimi video e Consigliato per te (YouTube) delle piattaforme per scoprire nuovo contenuto. Lo vedono come un modo più semplice e divertente di scoprire nuovo contenuto.
  • In Brasile i video su YouTube sono emersi come la destinazione principale di studenti e di chi vuole capire come fare qualcosa. Il video è ideale perché unisce la profondità dell'informazione testuale e l'appeal del contenuto visuale. I consumatori di video tendono a cercare specifici argomenti su YouTube e sono capaci di valutare i video più velocemente del testo. Per farlo guardano non solo la credibilità della fonte, ma anche il valore della produzione, il carisma del presentatore e la specificità delle istruzioni.

Conclusione 11

I giovani sono sempre più abituati a una navigazione principalmente visuale. Questo porta le organizzazione a dare la priorità al contenuto e le piattaforme visuali nelle loro strategie, anche per attività che non sono tipicamente adatte a questi formati.

  • Le persone (in particolare quelle più giovani) spendono sempre più tempo navigando e condividendo contenuto visuale online. Come detto sopra, la maggior parte del loro tempo di navigazione è fatto usando specifiche app che danno la priorità al contenuto visuale. Il peso dato al contenuto visuale è determinante anche quando scelgono l'app con cui condividere i contenuti visuali: alcuni intervistati hanno detto che una ragione chiave per cui preferiscono WhatsApp è che permette di scambiarsi immagini ad alta risoluzione.
  • Le organizzazioni si adattano sempre di più alla preferenza del pubblico più giovane per il contenuto visuale, anche per materiale o attività che tradizionalmente non si prestano a presentazioni visuali. Le testate giornalistica pubblicano contenuto su Instagram, perché alcuni giovani lo usano come fonte principale per le notizie. (Un intervistato di 17 anni ha detto che "Instagram dà esattamente la quantità giusta di contenuto" quando ha spiegato perché preferisce seguire il feed Instagram del suo sito preferito piuttosto che andare direttamente sul sito. Il feed contiene principalmente foto di politici con sintesi della notizia in meno di 100 parole, e tipicamente alcuni hashtag perché vengano trovati più facilmente.)

    Le ONG fanno fundraising via Instagram, e attraverso quella piattaforma pubblicano anche le proprie principali informazioni finanziarie per mostrare la propria trasparenza. Questo viene fatto per attirare un pubblico giovane, perché si riconosce la loro importanza come trendsetter nel portare le altre generazioni nei loro network online (genitori, fratelli minori), e sapendo che il loro comportamento probabilmente influenzerà altri. (Questo comportamento, assunto da queste organizzazioni, è stato osservato nella ricerca sul campo in Indonesia e in altri paesi delle Nuove Voci.)

Opportunità
  • Diventare visuali e distribuiti per incontrare gli utenti dove si trovano. Wikipedia deve valutare come deve adattare il proprio formato, design e modello distributivo per incontrare meglio le necessità e abitudini nella prossima generazione. La natura e l'estensione di queste modifiche può cadere in uno spettro (un redesign completo della piattaforma, una versione "light", "junior" o più visuale della piattaforma, o semplicemente incorporare più contenuto visuale) ma questo dovrebbe comunque essere tenuto in considerazione nelle discussioni sul design della piattaforma e nelle strategie sul contenuto.

    Il movimento dovrebbe valutare come potrebbe abbandonare l'idea di considerare le piattaforme e proprietà web come il corpo organizzativo centrale, ma pensare al modo di realizzare la missione attraverso piattaforme di terza parte dove la piattaforma sia semplicemente l'archivio centrale del contenuto (Questo, naturalmente, è come molte piattaforme di notizie e di informazione ragionano oggi, ma il design e il modello di produzione unico di Wikipedia potrebbe rendere la cosa più difficile da eseguire in pratica.)

Conclusione 12

L'affidabilità di un'informazione (o della sua fonte) non determina necessariamente la sua utilità. Le persone giovani in particolare danno per scontato che la maggior parte dell'informazione online sia parziale, e adattano di conseguenze il modo in cui validano e/o usano l'informazione.

  • Molti fattori hanno contribuito a una perdita di fede e attendibilità nelle fonti di informazione. Questo include:
    • Storia e controllo dei media in Indonesia e Brasile. Sotto il Nuovo Ordine (la dittatura militare del presidente Suharto dal 1966 al 1998) i media erano strettamente controllati. Dopo che è iniziata la liberalizzazione dei media nel 1999, il paese ha fatto diversi passi avanti nella diversità, qualità e professionalità del contenuto giornalistico nel paese.[18] Dal punto di vista della libertà di informazione il paese è "parzialmente libero"[19] e si classifica 124° su 180 paesi nel World Press Freedom Index di Reporter senza frontiere.[20]

      Il Brasile ha una storia più irregolare di controllo dei media, con momenti alti e bassi di censura di governativa durante il governo del presidente Getulio Vargas dal 1930 al 1945, e dal 1951 al 1954. La censura è stata de facto reintrodotta durante il regime militare (1964-1985).[21] Il Brasile è 103° su 180 paesi nel World Press Freedom Index di Reporter senza frontiere. [Nota: gli altri paesi del Global South Nuove Voci sono in queste posizioni: Nigeria 122; India 136; Messico 147.]

    • È conoscenza comune che la proprietà dei media in Indonesia è altamente concentrata, con alcune società oligarchiche che promuovono i loro affari e interessi politici attraverso le loro piattaforme d'informazione, che sono sempre più multi-canale.[22] In quest'epoca, i media locali hanno sofferto e gli imperi mediatici stanno diventando sempre più potenti e centralizzati. Questo fenomeno è comune globalmente ma particolarmente evidente in molti mercati emergenti, inclusi altri paesi studiati nelle ricerche del Global South su Nuove Voci (Brasile) e Nuovi Lettori (Nigeria, Messico).
    • Aumento dell'uso di internet per la ricerca e il consumo di informazioni, dove qualunque persona o entità può mettere informazione online. In particolare per quelli che a) non navigano in lingue con grande quantità di contenuto digitale, e/o b) cercano informazioni in argomenti altamente specializzati nella loro lingua, le probabilità di trovare informazioni di bassa qualità e non verificata è maggiore.
    • Maggior prevalenza su internet di contenuto sensazionalistico o non vero, dato che i modello di business online sono orientati ad ottenere clic a qualunque costo. Combinato con il fattore precedente, questo ha portato all'idea che internet possa essere pieno di contenuto spazzatura.
    • Crescente popolarità del termine "fake news", che è aumentata dalle elezioni presidenziali statunitensi del 2016 e lo vede ora diffuso globalmente. Gli intervistati usano il termine "fake news" per descrivere qualunque contenuto sensazionalistico, e il termine sembra essere sempre più correlato all'informazione che viene trovata su internet.
  • Le persone giovani danno per scontato che le fonti di notizie (online e offline) e le fonti di informazione online in generale siano faziose; il grado con cui sono a loro agio con questa faziosità dipende dalla misura in cui è utile al loro scopo. Quando corrisponde alla loro visione del mondo, viene riconosciuta ma non messa in discussione. Quando non corrisponde alla loro visione del mondo, cercando di discuterne nei loro network (principalmente gruppi in app di messaggistica, gli stessi dove ricevono le notizie). Riconoscendo che le notizie possono non essere affidabili, tendono a scorrere rapidamente i titoli, raccogliendo molte informazioni superficiali, e quindi raccolgono i dettagli tramite conversazioni (online e offline) con persone di cui si fidano, come mezzo di trovare passivamente la "verità".
  • Come risultato, gli indicatori di fiducia stanno cambiando, e stanno diventando più incentrati sull'individuo. Mentre le vecchie generazioni possono essersi fidate della reputazione istituzionali per determinare la validità dell'informazione prodotta, i giovani oggi guardano a indicatori di reputazione individuale. Il numero di follower, like, condivisioni e la "personalità" del brand di un individuo sono gli indicatori dell'affidabilità della fonte. I giovani si rivolgono ai loro network per aiutarli a verificare le fonti; ogni "like" rappresenta l'opinione di una persona.
  • Le persone cercano contenuto che sia rappresentativo di eventi, movimenti e prospettive locali e vedono una lacuna della disponibilità di quel contenuto su internet. Questo contenuto non solo fa sentire le persone considerate e valorizzate, il che crea fiducia, ma aiuta a fare il salto necessario per capire la nuova conoscenza. Ad esempio, quando stava cercando movimento sociali sui siti di organizzazioni internazionali un rispondenti ha capito meglio il movimento Black Lives Matter negli Stati Uniti quando lo ha confrontato con movimenti simili che esistono in Brasile.
Opportunità
  • Permettere la personalizzazione delle caratteristiche che vengono visualizzate della voce per lasciare agli utenti di giudicare da soli. Man mano che le persone sono sempre più sicure delle loro capacità di valutare il contenuto online, gli indicatori che usano per farlo cambiano. Wikipedia potrebbe considerare di mostrare alcuni dei metadati (es. numero di modifiche, utenti e/o di modifiche recenti) dietro a diverse voci per dare ai lettori maggiore visibilità e controllo rispetto al modo in cui valutano il contenuto. Questi metadata potrebbero essere cose che Wikipedia già fa (es. una voce protetta potrebbe segnalare maggiore affidabilità) o nuovi indicatori che assomiglino a quelli che gli utenti sono abituati a trovare su altre piattaforme (es. i "like" di una voce).

Temi 4 & 5: consapevolezza e uso di Wikipedia

Cosa è la consapevolezza/percezione del brand Wikipedia? Come il design, modello e/o il programmi di Wikipedia attualmente sostengono o inibiscono l'apprendimento online?

Conclusione 13

Le persone tendono a vedere Wikipedia come un prodotto finito creato da una compagnia tecnologica, non una risorsa che cresce continuamente e un movimento sociale guidato da una comunità e condotto da una non-profit. Come tale, è giudicata con lo stesso metro con cui giudicherebbero un altro gigante tecnologico internazionale.

  • Anche se le persone sanno che Wikipedia è una piattaforma modificabile, non vedono il contenuto come realmente adattabile e espandibile. Quando le persone parlano del contenuto di Wikipedia, tendono a farlo come se fosse statico, senza fare una connessione fra come Wikipedia funziona e lo stato del contenuto. Per loro, la piattaforma è vista come qualcosa di finito piuttosto che una riforma sempre mutevole. Di conseguenza, quando vedono errori su Wikipedia (un intervistato ha ricordato una volta in cui ha visto un paragrafo tutto di Lorem Ipsum in una voce) tendono a giudicarla duramente, come un segno della mancanza di professionalità di Wikipedia.
  • La maggior parte degli intervistati credono che Wikipedia sia mandata avanti da una compagnia tecnologica for-profit, e una abbastanza noiosa e con poca trasparenza. L'incapacità di vedere le persone e/o il processo dietro al prodotto impatta negativamente sull'affinità delle persone per Wikipedia. Alcuni intervistati hanno detto che gli piacciono i brand tecnologici e le organizzazioni vistose e innovative "trasparenti", di cui possono vedere lo staff, i processi e anche i luoghi di lavoro dove i prodotti vengono creati. Un intervistato ha citato un articolo che parlava del quartiere generale di Google come motivo per cui si fida del brand.

Conclusione 14

Il modello di contribuzione aperta di Wikipedia è poco capito, e quindi visto come una debolezza.

  • Molti di quelli che conoscono Wikipedia la citano come una piattaforma open source che tutti possono editare, ma vedono l'aspetto collaborativo di Wikipedia solo in termini della prima fase della contribuzione al contenuto (l'aggiunta di contenuto) e non sono consapevoli della possibilità delle fasi successive (la verifica, il raffinamento, la cancellazione del contenuto, e delle discussioni). La mancanza di comprensione del ciclo di vita della contribuzione e dei benefici del modello Wikipedia li porta a non fidarsi della piattaforma. La maggior parte delle persone che lavorano nell'accademia non hanno idea dei processi che Wikipedia mette in essere per aumentare la qualità del contenuto sulle sue piattaforme.

Conclusione 15

Le persone con una qualche consapevolezza di Wikipedia la usano per cercare un contesto ampio o fatti specifici su persone o luoghi. Quando scoprono che tutti possono fare modifiche, dichiarano sfiducia nel contenuto, ma continuano ad usarlo per gli stessi scopi, verificando le informazioni trovate da qualche altra parte sul web.

  • Wikipedia è descritta frequentemente come un "dizionario"; è utile per capire cos'è qualcosa, e a volte per capire il significato di una parola. Quando si cerca un nome (tipicamente di persona, luogo o cosa) le persone generalmente accettano la pagina di Wikipedia al primo posto nella ricerca come definizione soddisfacente di quello che stavano cercando. Questo è l'uso più comune di Wikipedia in tutti i gruppi di intervistati.
  • Quelli con bassa consapevolezza di Wikipedia non mostrano sfiducia nel contenuto di Wikipedia. Hanno nessuno o pochi problemi di fiducia con le informazioni che trovano sul sito web. Quelli che hanno usato poco Wikipedia in passato e hanno poca consapevolezza del suo modello di contribuzione o del brand sono rapidi nel fidarsi del contenuto che trovano sul sito.

    I livelli di fiducia fluttuano per due ragioni. Primo, quelli che hanno trovato errori, sia intenzionali (es. un intervistato indonesiano ha detto di aver visto un in intero paragrafo di parole prive di senso) o -più comunemente- informazioni non aggiornate (es. la trama di una telenovela che non cita l'ultimo episodio). Secondo, quando scoprono da altri che il contenuto non è affidabile.

Conclusione 16

Anche se le persone dicono che non si fidano di Wikipedia, la trovano comunque utile, a volte addirittura essenziale, per trovare le informazioni che cercano.

  • La sfiducia in Wikipedia è una percezione che si impara, spesso rinforzata attraverso le istituzioni universitarie. Le persone affiliate a istituzioni universitarie tendono ad essere più scettiche nei confronti di Wikipedia, dicendo che i professori non accetterebbero Wikipedia come fonte. Il fatto che una figura di autorità dica in maniera definitiva che una fonte non è affidabile ovviamente impatta la percezione. Ma quelli con basso livello di educazione (es. scuola superiore) hanno un livello di fiducia più alto nelle informazioni di Wikipedia spesso perché i loro insegnanti gli hanno detto che Wikipedia era una fonte accettabile. In una scuola superiore, i ricercatori hanno visto un libro scolastico dell'ultimo anno dove una voce di Wikipedia era citata in una nota.
  • Anche se molti intervistati hanno detto che non si fidano pienamente di Wikipedia, questo non impedisce loro di usarne le informazioni. (Questo corrisponde con i risultati emersi nei temi precedenti che mostrano che le persone non sempre hanno bisogno di fidarsi si un'informazione per trovarla utile.) In particolare il pubblico scettico (tipicamente quello che ha motivo di essere scettico, come studenti il cui uso di informazioni sarà giudicato secondo standard accademici) potrebbe non fidarsi necessariamente delle informazioni contenuto nelle voci di Wikipedia, ma trovarle comunque una risorsa comoda come punto di partenza.
Opportunità (per diverse delle conclusioni precedenti)
  • Rivelare persone e processi per costruire fiducia. Le persone e i processi di Wikipedia sono la sua principale risorsa, ma sono attualmente percepiti come un ostacolo. Considerare come rivelare come Wikipedia è costruita in un modo facilmente accessibile ai lettori, e in modi che rispondano alla loro crescente fiducia nelle istituzioni e alla crescente fiducia negli individui, e alle altre tendenze descritte in questa ricerca.

Conclusione 17

Anche quelli che hanno usato e si sono fidati di Wikipedia attraverso la loro educazione, si lasciano Wikipedia alle spalle una volta presi i propri diplomi. L'affermazione di valore oltre il mondo accademico rimane fangosa.

  • Molti intervistati sono stati capaci di spiegare come come hanno usato Wikipedia nel passato per aiutarsi nella propria educazione, ma sono stati meno chiari su come potrebbe aiutarli nella loro vita quotidiana. Questo dipende anche dal fatto che Wikipedia è percepita come una risorsa accademica collegata direttamente con la loro educazione. Ad esempio, una donna in Indonesia che ha usato molto Wikipedia per raccogliere informazioni di contesto per le sue tesine universitarie non sapeva che poteva usarla anche per trovare la sua attrice coreana preferita, pensando che solo le "persone serie" comparissero sul sito.

Note

  1. Per accesso ci si riferisce sia all'accesso alla tecnologia che ai costi e ad altri fattori.
  2. La distribuzione di genere deriva dalle sensibilità culturali nell'accesso a più intervistate donne.
  3. Mentre la maggior parte degli studi sulla messaggistica istantanea in Indonesia mostrano che BlackBerry Messenger (BBM) è la principale app di messaggistica nel paese, l'app non è emersa con forza in questa ricerca. Questo può avere a che fare col fatto che l'app è usata esclusivamente per comunicazioni interpersonali e messaggi, e meno per l'attività di ricerca e consumo di informazioni a cui questo studio è interessato.
  4. http://blog.jana.com/blog/top-messaging-apps-indonesia-september-2016. Questo è importante per gli altri paesi della strategia del movimento/nuovi lettori. A titolo di paragone, in India è sul 95%, e sul 92% in Messico. È anche l'app di messaggistica più popolare in Nigeria, con il 45% degli utenti mobile che la utilizzavano nel febbraio 2014 (http://www.techweez.com/2014/03/05/49-of-kenyans-mobile-users-on-whatsapp/).
  5. https://techinbrazil.com/all-about-whatsapp-in-brazil
  6. https://www.psychologytoday.com/blog/brain-wise/201209/why-were-all-addicted-texts-twitter-and-google
  7. Nota: fa eccezione l'informazione relativa a specifiche passioni o quella citata da una figura autorevole (tipicamente a scuola o al lavoro).
  8. https://www.mobileworldlive.com/asia/asia-news/indonesias-smartphone-penetration-hits-47/
  9. https://www.statista.com/statistics/285604/number-of-smartphone-users-in-brazil/
  10. https://www.techinasia.com/baidu-indonesia-mobile-internet-user-report
  11. https://techinbrazil.com/internet-usage-in-brazil
  12. https://www.techinasia.com/indonesia-web-mobile-statistics-we-are-social
  13. http://www.thejakartapost.com/news/2016/08/19/internet-penetration-up-amid-availability-of-cheap-smartphones-nielsen.html
  14. https://techinbrazil.com/all-about-whatsapp-in-brazil
  15. https://www.techinasia.com/cost-mobile-data-southeast-asia-infographic
  16. https://www.forbes.com/sites/kenrapoza/2014/10/20/in-brazil-digital-divide-shrinks-even-as-costs-become-prohibitive/#4bf27fc95c7f
  17. https://qz.com/686530/mobile-data-needs-to-get-this-much-cheaper-before-most-of-the-world-can-afford-it/
  18. http://www.thejakartapost.com/news/2013/05/20/mass-media-liberalization-does-not-yet-drive-democracy.html
  19. https://freedomhouse.org/report/freedom-press/2016/indonesia
  20. https://rsf.org/en/ranking
  21. http://www.pressreference.com/Be-Co/Brazil.html
  22. http://niemanreports.org/articles/who-owns-the-news-in-indonesia/