Strategy/Wikimedia movement/2017/Sources/Adam Hochschild interviewed by Katherine Maher, June 16, 2017/it

From Meta, a Wikimedia project coordination wiki
Jump to navigation Jump to search
Other languages:
English • ‎Tiếng Việt • ‎español • ‎italiano • ‎polski • ‎עברית • ‎हिन्दी • ‎中文
Adam Hochschild discusses Wikimedia in the context of other global social movements.

Trascrizione parziale del video

ADAM HOCHSCHILD: Oggi voglio finire dandovi un esempio di qualcosa che non è una nuova tecnologia, ma una tecnologia esistente usare per diffondere la conoscenza in modo diverso e secondo me molto emozionante. Ed è il salto più interessante di questo tipo che ho visto negli ultimi anni, perché non sta succedendo negli Stati Uniti in Europa; sta succedendo nel sud rurale fra i poveri più poveri del mondo. È il progetto -non so se lo conoscete- [$par Archivio Popolare dell'India Rurale?] Ok, lasciate che ve lo racconti.

La situazione in India è, naturalmente, come sapete, quella di un paese con molta povertà, specialmente rurale. Più di 800 milioni di indiani si guadagnano da vivere lavorando la terra di di qualcun altro o con fattorie molto piccole con minuscoli appezzamenti di proprietà. Gli manca il potere politico e vengono ignorati dai mass media del paese. Non vedi mai storie sulla vita nelle fattorie alla TV, e questo è un paese dove la maggior parte delle persone vivono ancora lavorando la terra. Fino a un paio di anni fa, i giornali quotidiani in India (l'India è un paese con un sacco di quotidiano perché è più facile persone comprare quelli piuttosto che un computer o una TV) e fra lo staff di tutti quotidiani in India, sia in inglese che nelle molte altre lingue che si parlano lì, c'era un solo corrispondente che scriveva a tempo pieno di agricoltura e di vita di campagna.

È un mio amico. E un paio di anni fa ha lasciato il lavoro con il giornale per avviare un progetto abbastanza notevole. Poiché si è reso conto che con uno smartphone (e i prezzi sono scesi abbastanza che anche nei villaggi rurali indiani molte persone cominciano ad averlo) puoi scaricare o caricare quasi qualunque cosa. Quindi lui e alcuni amici hanno creato sito abbastanza notevole che è un parte curato (nel senso che tutto quello che viene pubblicato è visto e approvato da uno dei redattori) ma è principalmente generato dagli utenti a cui chiede di contribuire (con foto, video, storie scritte, o dati) e ci sono linee guida su come puoi contribuire.

Chiede anche alle persone di contribuire alle traduzioni. Ci sono, credo, attualmente almeno 12 lingue sul sito, e alcuni elementi possono essere letti/visti/ascoltati in 12 lingue. E le traduzioni vengono fatte da remoto da persone che donano il loro lavoro. Tutto viene pubblicato con una licenza creative Commons.

Ed è emozionante per me leggere questo tipo di materiale, perché è qualcosa che non è assolutamente coperto dai giornali, TV blogger o da nessun altro, e ve lo posso dire per esperienza diretta perché ho vissuto per sei mesi in India. Questo è il tipo di cose che pubblica: ci sono testi e foto, quasi ogni storia è illustrata, su questioni che i riguardando gli agricoltori. C'è stata una grande ondata di piccoli agricoltori che si sono suicidati (la conta dei morti è ora nelle centinaia di migliaia) perché si erano indebitati e non riuscivano a ripagare i debiti.

Articolo sulla siccità; articoli su quello che succederà se il riscaldamento globale farà alzare il livello del mare e ci sono ci sono agricoltori che lavorano terre che sono solo a mezzo metro sopra il livello del mare. Ci sono ritratti di persone, di nuovo, in una varietà di media (testi, foto, video, audio); persone con diversi tipi di occupazione rurale: scavatori di pozzi, tessitori, allevatori di cammelli, pescatori nomadi, le persone che scalano gli alberi di cocco (50 alberi al giorno per tirare giù le noci di cocco e raccoglierle), una persona in un'area rurale che ha perso il figlio in un incidente stradale e come risposta ha creato il suo servizio ambulanze con una sua motocicletta.

Ci sono storie che onorano i mestieri, di cui alcuni stanno morendo, altri sono ancora praticati. Ad esempio, un meraviglioso pezzo visuale (video e audio) su persone che costruiscono un tipo di barca tradizionale nello stato del Kerala nel sud, e quando hai quattro o cinque persone che lavorano su una barca e stanno tutti martellando chiodi (ce ne vogliono circa 20.000 per costruire una di queste barche) hanno sviluppato un certo ritmo di percussione con i loro vari martelli, e così sembra di sentire un gruppo di batteristi che sta facendo prove. C'è una galleria di ritratti di migliaia di facce da tutto il paese, closeup di facce di persone in aree rurali, agricoltori, casalinghe, tessitori, persone le cui fotografie non potrebbero mai arrivare su una TV, un giornale nazionale o niente del genere. C'è una grande collezioni di canzoni tradizionali cantati da donne in una parte del paese mentre usano il mulino per macinare il riso o la curcuma. Gli studiosi hanno iniziato a raccogliere audio di queste canzoni 20 anni fa, ora hanno un posto dove possono pubblicarle. E oggi possono essere aggiunti dalle persone, assieme ai video delle donne che cantano queste canzoni.

Puoi andare sul sito con il tuo smartphone in qualunque villaggio dell'India, puoi cercare in base alla parte del paese, al distretto o al villaggio dove sei, e soprattutto -secondo me- se sai che il tuo volto, la tua canzone, il tuo villaggio o la tua occupazione è lì, che persone da tutto il mondo possono vederlo in diverse lingue. Credo che l'implicazione di di questo è che sia qualcosa di davvero abilitante, e quando le persone possono cominciare a vedere le loro facce e le loro parole su uno schermo in questo modo, in un modo che non è solo un post su Facebook ma qualcosa di diretto a un pubblico più ampio, spero sia qualcosa che li incoraggia a credere che hanno tanti diritti e tanta importanza come qualcuno il cui volto o la cui canzone è apparsa in una televisione nazionale.

Quindi perché non mi fermo qua e sarei felice di sentire i vostri commenti, domande, ogni pensiero che quanto ho detto vi ha provocato.