Iberocoop:Iberoconf 2019/Lettera di Santiago

From Meta, a Wikimedia project coordination wiki
Jump to navigation Jump to search
This page is a translated version of the page Iberocoop:Iberoconf 2019/Carta de Santiago and the translation is 100% complete.
Other languages:
Bahasa Indonesia • ‎English • ‎dansk • ‎español • ‎italiano • ‎português • ‎العربية • ‎مصرى
Iberoconf 2019 - Logotipo.svg
Carta di Santiago

I rappresentanti delle organizzazioni riunite nel VI incontro iberoamericano di Wikimedia (Iberoconf 2019) a Santiago del Cile, dall'8 al 10 febbraio 2019, desiderano comunicare al gruppo di lavoro su ruoli e responsabilità per la strategia Wikimedia, alla Fondazione Wikimedia, al suo consiglio direttivo e più in generale al nostro movimento globale le seguenti riflessioni.

Iberocoop è stata fondata nel 2011 con l'obiettivo di rafforzare la comunità wikimediana in America latina, attraverso l'avviamento e lo sviluppo di organizzazioni locali. Dieci anni dopo, abbiamo 9 capitoli nella regione. Inoltre, la creazione di un nuovo modello di affiliazione (gli user group), con requisiti e processi più semplici, ha eliminato alcune delle barriere che impedivano a molti gruppi locali di evolvere in una organizzazione wikimediana affiliata, permettendo la formazione di ulteriori 5 gruppi.

Questo è un risultato da celebrare, ma non per questo dobbiamo ritenerci soddisfatti. Se vogliamo davvero raggiungere ogni persona nel mondo, dobbiamo impegnarci ulteriormente nel rafforzamento dei gruppi locali, permettendo loro di ottenere le risorse di cui necessitano e di crescere, lavorando con loro ed estendendo i nostri sforzi verso quelle aree che ancora non abbiamo raggiunto.

Allo stesso tempo, la crescita degli ultimi anni ha messo in rilievo alcune criticità nel modello corrente, fra cui uno squilibrio fra diritti e requisiti, così come il fatto che alcuni nuovi gruppi sono nati da ragioni di conflitto personale piuttosto che dalla volontà di contribuire al movimento globale. Il processo per la Strategia 2030 ci dà finalmente l'opportunità, rimandata per troppi anni, di discutere e affrontare questi problemi.

Pertanto, noi raccomandiamo:

  1. di bilanciare diritti e doveri, garantendo requisiti semplici per la formazione di piccoli gruppi, ma allo stesso modo richiedendo loro di rispettare adeguati criteri di trasparenza e responsabilità.
  2. di evidenziare la rilevanza dei capitoli in qualità di rappresentanti ufficiali del nostro movimento nelle unità territoriali (Stati o entità sub-nazionali) e di definire un processo chiaro per permettere agli user group territoriali di diventare capitoli, se lo vogliono, mediante una serie di passaggi definiti e misurabili, garantendo un progresso sostenibile e in sintonia con lo spirito collaborativo del movimento.
  3. al Comitato per le affiliazioni: le attuali regole sono troppo lasche nel verificare l'autenticità degli affiliati potenziali e possono incidere negativamente, sul medio e lungo termine, sullo spirito del movimento wikimediano. Stabilire meccanismi più rigorosi nel verificare l'organicità dei nuovi membri può garantire l'autenticità e la permanenza dei nuovi affiliati.
  4. al Comitato per le affiliazioni: la creazione di regole-quadro stringenti per la comprensione e la negoziazione per portare eventuali parti in conflitto nel movimento wikimediano a mantenere un dialogo in buona fede e a lavorare insieme, condividendo obiettivi e definendo modalità di lavoro comuni, prima di arrivare a costituire nuove organizzazioni affiliate.
  5. ai gruppi per la Strategia 2030: chiediamo ai responsabili di gruppo di condividere questo documento all'interno dei vari gruppi di lavoro.
  6. ai membri di Iberocoop: di fare seguito al presente documento entro sei mesi ed entro un anno dalla sua pubblicazione.

Firmato: